Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ETICHETTA: Adrian Recordings’ Category

Recensione scritta per INDIE FOR BUNNIES
ETICHETTA: Adrian Recordings
GENERE: Indie Rock

TRACKLIST:
1. 0009
2. 0007
3. 0002
4. 0011
5. 0003
6. 0008
7. 0012
8. 0013

Interessanti fin dal nome, interessanti fin dai titoli delle tracce, interessanti dall’artwork. Per tutto e per tutto, questi svedesi di Malmo, indie rock nel senso più lato (per vocazione), portano giù dalla Scandinavia un modello nuovo di proporre questo genere, che evidentemente furoreggia ancora poco nelle loro chart per non essersi ancora commercializzato a dovere. Chi lo può testimoniare meglio di loro?
Le otto tracce, intitolate con numeri di quattro cifre, così come nel retro del disco sono riportate le durate delle canzoni e l’ordine delle stesse, rappresentano un condensato incredibilmente innovativo ed omogeneo di indie, alternative pop/rock che alcune volte rimanda agli U2 con una specie di variazione sul tema della voce di Thom Yorke che si sente in alcuni momenti di “0011” e generiche sperimentazioni in elettronica minimal cosparsa di micronoise che rimanda quasi alla post-electro scozzese degli Errors, con i dovuti aggiustamenti (vedasi la lunghissima, dieci minuti, “0003”). C’è molto krautrock, che non è l’unica influenza “crucca” di questo ciddì; sostanzialmente la Germania rappresenta la provenienza geografica più ovvia per un disco che può assomigliare a tutto fuorché ai Kraftwerk ma portandone comunque molti segnali e simboli, se non anche le più larghe vedute che i Neu! hanno portato ad esempio dell’elettronica “antidiluviana”, ma ottima, se vogliamo, che negli anni ’70 ci propinavano. E, più tardi, progetti come gli Stereolab.
Ci sta anche space rock, come etichetta, per capirci (“0009”, “0012”).
E chi c’è di abbastanza simile per farvi capire? I Palpitation, nei momenti più elettronici, Ludwig Bell per il resto. Non li conoscete? Basta ascoltare i This Is Head e siete apposto.

E’ evidente la vocazione di ispirazione a Bono Vox nella voce, come già dicevamo, ma sono quanto più difficili da comprendere quali siano gli universi da cui proviene l’originalità paramelodica di questo indie così “poppeggiante”, ma contemporaneamente capace di trascendere i linguaggi basilari del genere. E’ un po’ come le prime volte che ascoltavamo i Radiohead deviare dal rock iperclassico di Pablo Honey, dove ancora non erano diventati LA MUSICA moderna, appellativo che oggi gli si addice tanto. Forse i This is Head vogliono diventare IL pop svedese? Forse, ma non certo nell’ottica della scalata di una classifica. Noi ci auguriamo che continuino a produrre dischi in “codice” come questo senza guardarsi indietro e senza cambiare rotta, perché sono sulla parabola giusta per evolversi in maniera spudoratamente efficace e risoluta. Forse, possono, fare la storia dell’indie nella loro nazione. Ripeto, forse. Per ora, un ottimo disco di debutto.

Annunci

Read Full Post »