Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ARTISTA: Shelly Johnson Broke My Heart’ Category

ETICHETTA: Stop! Records
GENERE: Dream-pop, power pop, shoegaze

TRACKLIST:
1. The Boy and the Pokey Town
2. Hope Like There’s No Tomorrow
3. Petrinne Sonne
4. A Lullaby
5. Red Sun/Black Sand

Premettendo che lo shoegaze in Italia lo sappiamo fare solo in parte; premettendo anche che per definire una band power pop nel 2011, dove i parametri di genere sono tutti scompensati, è impossibile; premettendo, infine, pure che gli Shelly Johnson Broke My Heart, ricordano precedenti esprimenti dei medesimi componenti quali Late Guest At The Party, ottimo progetto naufragato presto in un limbo, disposto a non farsi recuperare dai più per rimanere pregiato prodotto di fabbrica d’alto bordo.
Come gli Shelly Johnson Broke My Heart, del resto.

Ascoltando Brighter si percepisce l’atmosfera pesante del dream pop d’altri tempi, il passato che si ripropone in codici shoegaze, seguendo le atmosfere da tunes palesemente radiofonici che a volte si sono soffocati, già da noi, nelle pallide ballad ultralente ed ultrasognanti degli …A Toys Orchestra. Passabile l’esperimento di fondere presente e storia del genere, con quei vortici veramente dream il cui tornaconto può essere anche il raro momento rilassato in uno dei primi dischi dei Sonic Youth. Senza droga. La voce come chiave.
“Petrinne Sonne” vi spiega cos’è il disco, “Hope Like There’s No Tomorrow” nega tutto per dare poi la conferma definitiva di quello che stiamo ascoltando: una rara perla di saggezza pop come solo un italiano nato e cresciuto ascoltando musica londinese e d’oltreoceano può fare. Senza l’originalità di molte altre formazioni, ma con l’incredibile pregio di saper manipolare perfettamente i suoni che mettono in campo. Ottimo supporto ritmico, egregio l’impianto melodico, imprescindibili gli arrangiamenti. Manca comunque qualcosa, ma sapere che a Rimini abbiamo band che ci possono ancora far sognare, non è cosa da poco.

In alto i calici.

Annunci

Read Full Post »