Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ARTISTA: Good Wines’ Category

ETICHETTA: Nessuna
GENERE: Hard Rock

TRACKLIST:
1. Just A Little Shaboo
2. Set Me Free
3. This Way In
4. Janie
5. Listen Madame
6. Let Me Take You Out Tonight
7. Common People
8. Northern Star
9. Love Revolution
10. Can’t Get Enough
11. Come On Sister
12. The Lovers
13. Someday

Just A Little Shaboo.
Ma ci piace questo nome o no? In attesa di scoprirlo, abbiamo ascoltato il disco tre-quattro volte. Il risultato non è sorprendente, però è godibile. Pur senza rinnovare niente, né presentare interessanti evoluzioni in un genere molto chiuso come è l’hard rock, propongono un prodotto fresco e decentemente costruito, soprattutto dal punto di vista melodico.
Il punto forte dei Good Wines è sicuramente il brano “classico”, la costruzione di un brano senza particolari fronzoli, dove la tecnica è funzionale alla buona riuscita del pezzo: il loro sound è comunque molto leggero, tendente al freddo, al contrario di quanto le band hard rock più tipiche (quelle che tanto piacciono ai motociclisti, per fare un esempio) hanno sempre messo in campo, e proprio per questo motivo si rendono molto più vendibili e “fragili” da un punto di vista commerciale. Brani come “This Way”, ne sono la conferma.
Se si vuole ascoltare qualcosa che sottolinei la vera anima contemporaneamente frivola ed aggressiva della band, è ESSENZIALE il trittico iniziale, e soprattutto momenti come “Northern Star” e “The Lovers”.

La band gioca sul filo della prepotenza vocale e ritmica, appoggia leggermente le ginocchia su di un tappeto fluido su cui galleggiano, rischiando di affondare. Manca quel collante che renda credibili alcuni momenti più melodici, ma è anche vero che il loro modo di comporre, di suonare e di presentarsi, gli conferisce una credibilità che le band hard rock italiane nel 2011 non hanno più. Con un pregio di questo tipo e un album leggermente più personale, o almeno caratteristico, potrebbero diventare dei punti saldi nella discografia italiana del genere.

Annunci

Read Full Post »