Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ARTISTA: Blood Red Water’ Category

Recensione a cura di RENATO RANCAN

ETICHETTA: DIY
GENERE: Doom, sludge

TRACKLIST:
01 – Ungod (6:23)
02 – Considerations/Commiserations (3:00)
03 – Avoid the relapse (3:06)
04 – Modern slave blues (4:48)
05 – The perfect mix (6:00)

Rumori di un galeone nelle acque di chissà quale pianeta, sembra legno ma è metallo, pesantissimo, bruciante e profondamente doom.
Riff monolitici e discretamente angoscianti, i ragazzi urlano e sbraitano mentre fanno girare i remi di questo galeone che viaggia senza meta, non c’è nemmeno una Moby Dick ad aspettarli.

Tutto nasce come sempre dai Black Sabbath, ma filtrati dai loro discepoli: quelli che più hanno abusato della Sweet Leaf, si parla di Sleep, Crowbar, EyeHateGod, Electric Wizard ma anche sprazzi di God Machine, Cathedral e pure Nirvana.

“Ungod” fa della monotonia il suo punto forte, un incedere marziale che esalta le distorsioni delle chitarre martellanti, quasi industrial. La seconda traccia, “Considerations/Commiserations”, dà invece qualche indizio di stanca, all’inizio ammicca a certo grunge per poi sfociare in una desert song.
C’è tanta sana ignoranza in questo lavoro, e va preso così, la cura del riff è spesso sopraffatta dalla voglia di incedere, di macinare le orecchie dell’ascoltatore, la cosa riesce bene ma quando il gruppo tenta un passo in più nascono i momenti più interessanti dell’EP, come al centro di “Modern slave blues” che rende più attento l’ascolto, mi auguro sia questa la strada futura della band visto il genere è già stato saturato dai loro predecessori.

“Tales of addiction and despair” è un lavoro già maturo, un po’ fisiologicamente monocorde ma che piace principalmente per le buone promesse per il futuro, non ci resta che aspettare questi giovani veneziani sulla lunga durata.

 

Annunci

Read Full Post »