Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ETICHETTA: Quasi Mono Records’ Category

ETICHETTA: Quasi Mono Records
GENERE: Folk

TRACKLIST:
1. All I Do Is Sing the Blues
2. Disappeared
3. Paso Doble (Flowers and Jails)
4. Oh, What You’ve Done to Me!
5. Jane’s Choice
6. A Rabbit’s Tale
7. Loving U Ku
8. Gentle Way
9. Moonshine Once Betrayed Me
10. Ballad in Plan D

Moonshine Once Betrayed Me è un bel disco. Trotterella galante lungo tutte le sue dieci tracce rimasticando linguaggi triti e ritriti come quelli del folk e del blues, ormai ripasticciati in ogni modo anche dai nostri connazionali, con un’impronta tipicamente italiana e che si fregia di quell’atmosfera festosa che spesso accende jam session del circuito blues rock. Riferimenti si incontrano anche nel country e nel folk più cantautorale, andando dietro a Tom Waits, il Bruce Springsteen di quando non è necessario parlare solo di sogno americano, e l’immancabile Bob Dylan. L’ospitata (comprendente anche componenti degli Scisma, degli Annie Hall, dei Guru Banana e di altre band di spessore come i The Record’s) impreziosisce gradevolmente il già scintillante pacchetto, seppur il contenuto non venga in nessun modo nobilitato dai contributi forniti. Ombretta Ghidini e Laura Mantovi compongono così un disco molto attrattivo, in linea con il nome della band, che con la sua solidità ritmica dona sicurezza e pregio anche ai momenti più nervosi ed elettrici, quelli più party-oriented (“Loving U Ku”, “All I do Is Sing The Blues”, quest’ultimo il loro vero manifesto), mentre ascoltando con attenzione tutto il resto scopriamo che gli elementi più interessanti sono quelli che affondano le radici nel terreno sentimentale-neoromantico in puro stile Waits. Ma c’è anche Cash. “Jane’s Choice”, “Ballad in Plan D” e “Gentle Way” tra le migliori, ricordando anche che l’indie folk americano degli ultimi anni ha partorito tantissimi imitatori ma noi in Italia abbiamo anche saputo dare di più (anche perché gli …A Toys Orchestra, seppur rivolti verso tensioni più mainstream, sono veramente dei fighi).

Le novità non esistono più. Per questo si può essere propositivi, lucidi e solari anche quando si rivanga un territorio impervio ma già interamente scoperto ed esplorato come il folk blues. Le sirene, solitamente, tendono ad ammaliare: a queste basta fare buona musica. Quello di cui abbiamo bisogno.

Annunci

Read Full Post »

RECENSIONE SCRITTA PER INDIE FOR BUNNIES
ETICHETTA: Pippola Music, Quasi Mono Records
GENERE: Indie-pop

TRACKLIST:
1. For You
2. Suitcase
3. Beautiful Mind
4. Meaningless
5. Place to Hide
6. Homestead
7. Shooting Star
8. Airstrip Zero
9. Merry-Go-Round
10. Grand Avenue

RECENSIONE:
La formazione bresciana degli Annie Hall torna a due anni di distanza dall’ottimo Carousel con un nuovo lavoro, “Annies”, pronto a bissare il successo di critica del predecessore. In un oceano di band analoghe, dove il revival del pop britannico in salsa lo-fi moderna à-la-Wilco è talmente di moda da aver fagocitato nell’ultimo biennio anche l’indie ballerino più propriamente derivato dai Joy Division, riescono a distinguersi, complice anche la produzione di Ferrario (della cui rosa di artisti prodotti il più vicino per sonorità è, per quanto dissimile per il genere proposto, Morgan), prima di tutto per una varietà incredibile nel sound dei brani, e in seconda battuta per un songwriting molto più maturo rispetto alle uscite precedenti, che ci toglie anche il necessario beneficio del dubbio.

In tutta onestà, non si poteva aspettarsi di più dai lombardi: questo genere ha dei limiti, che risiedono nel confine tra imitazione e personalizzazione, borderline che gli Annie Hall riescono ad abbattere per proporre una soluzione altamente caratteristica che sfida i campioni in carica nel settore (gli Eels) sul piano dell’internazionalità del prodotto. Sarà dura per loro e la nostra pessima pronuncia inglese sfondare all’estero, ma per il resto le carte in regola le hanno sempre avute. Si sentano papabili tormentoni di perfetto pop come “Suitcase” e il suo incedere palesemente blueseggianteì oppure la beatlesiana “Place to Hide” che ci ricorda da vicino il nuovo progetto Gallagher dei Beady Eye, ma solo perché li abbiamo ascoltati da poco. Vai più indietro e sarebbe la giusta fusione tra i Velvet Underground (vedi “Airstrip Zero, dove la voce ricorda ancora molto Liam anche per la timbrica), influenza primigenia per l’intero Annies, e, ovviamente, i Beatles del loro periodo più tardo.
Quando si cede alla psichedelia, ma sempre in salsa indie pop scarnificato e semplificato al massimo, in virtù di una logica di impatto facile basato su impianti privi di fronzoli ed arricchimenti non indispensabili, ci troviamo di fronte a brani molto interessanti ed originali come la leggera e leggiadra “Shooting Star”, uno di quei momenti in cui è più facile contraddistinguere l’essenza British ma non solamente brit-pop della band: perché, volete dirmi che le influenze pinkfloydiane non le sentite?

Il bilancio non può che essere positivo: se l’originalità cede in alcuni punti, non si può certo parlare di plagi o imitazioni, allorché risulta evidente quanto il progetto, per quanto inflazionato dall’hype creato dal disco precedente, si fonda sulle solide basi di una maturità artistica raggiunta abbastanza presto. Le abilità dei singoli strumentisti non sono in discussione, e sono evidenti in ogni secondo dei dieci pezzi proposti: se si scegliesse un musicista secondo il metro dell’incisività dovremo votare il cantante, per la voce penetrante, precisa e, per usare un aggettivo modaiolo, “stilosa” che riesce a suscitare interesse anche nei brani meno forti come la troppo country (ma pur sempre godibile) “Merry-Go-Round”; se invece ci affidiamo alla tecnica, risulta difficile decidere ma alla fine ci dovremo abbandonare alla semplicità trascinante delle rade chitarre.
Cosa manca ancora agli Annie Hall per produrre un vero gioiello di indie-pop come il mercato richiede in questo periodo? Pochissimo, una strada ancora più personale che comunque hanno già imboccato ma della quale non hanno trovato ancora la fine. In Italia questo pop lo fanno bene quasi solo gli …A Toys Orchestra e all’estero è altalenante tra l’eccessiva produttività degli Wilco e la delirante semplicità degli Snow Patrol, che in qualche brano si sentono pure qui. Cosa aspettiamo allora a prenderci il trono con gli Annie Hall? 

Read Full Post »