Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2012

ETICHETTA: Moscow
GENERE: Indie rock

http://thecharlestones.bandcamp.com

TRACKLIST:
off the beat
love is a Cadillac
energy
the girl who came to stay

she was a firework
eager beaver
eager beaver (reprise)
let it all hang out
the clue
standing in the prime of life

Nuovo sforzo per i giovani friulani The Charlestones, negli ultimi anni fiore all’occhiello della loro conterranea etichetta Moscow che già ci presentò interessanti artisti del calibro di Trabant e FilmDaFuga. Il primo lavoro, Out From The Blue, vagava in maniera molto interessante nel panorama brit pop con quelle scosse indie rock mainstream che fino a qualche tempo fa andavano molto di moda all’interno di quel revival new wave e post-punk che fece impazzire mezzo mondo. Off The Beat parte dagli stessi presupposti ballerini, potenti e sbilenchi, tra indie pop e punk, ma tenta di rifarsi un po’ di più alle origini beatlesiane di quei linguaggi. She Was A Firework, Standing In The Prime of Life, Eager Beaver e la relativa ripresa sono tutte la contestualizzazione perfetta ed eccellente di quel brit-pop che i Beatles contribuirono a forgiare e rendere celebre, fino a trasformarlo in qualcosa di estremamente influente, senza negare le sue origini “beat” che nel titolo di questo disco sono citate. Sia ritmicamente che melodicamente l’album viaggia su quelle dinamiche spensierate ma danzabili che tutti ancora stimiamo perché sono ancora attuali, e forse a volte avere una band che tenta di rifarsi a quelle situazioni, se da un lato denota poca originalità, serve anche a ricordarci da dove tre quarti della musica che ascoltiamo deriva. Se poi i giovani tolmezzini lo fanno mettendoci anche quella personalità e quel tocco di creatività che manca a molti follower della scuola Beatles, allora possiamo davvero divertirci. Ancora una volta.

Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha




Read Full Post »

Recensione a cura di ANDREA MARIGO
ETICHETTA: Gentle Threat
GENERE: Classica, piano music

TRACKLIST:
White Keys
Kenaston
Minor Fantasy
Escher
Rideaux Lunaires
Nero’s Nocturne
Venetian Blinds
Evolving Doors
Epigram in E
Othello
Train of Thought
WinterMezo
La Bulle
Papa Gavotte

Jason Charles Beck per chi non lo conoscesse, è un artista canadese.
Si firma Chilly Gonzales, detto anche “Il Gonzo”.Ama dilettarsi come musicista nellʼ elettronica, nel cantautorato e nel piano, è un  produttore (collabora con Feist e Peaches) ed è pure un regista.
I suoi live sono un vero e proprio show (si dice), dove il pubblico è reso partecipe a tutti gli effetti, ad esempio a volte qualcuno è invitato a salire sul palco per suonare.
Nel 2004 pubblicò un disco, tuttʼ ora il più acclamato dei suoi lavori, che spiazzò la critica, dando la luce ad un album composto solamente di tracce al pianoforte, ispirandosi ad Erik  Satie, quindi allʼ impressionismo musicale europeo di fine ʻ800-inizio ʻ900, quindi a  Debussy.
Impressionismo musicale che si rifà alla corrente pittorica del periodo, dove i contorni sono  più vaghi; anche nella musica ci si contrappone alla corrente romantica cercando di esaltare il timbro ed il colore dei suoni, stravolgendo la forma musicale che porta al
componimento di brani più brevi rispetto alla forma classica.
Successe allora e succede tuttʼora con Gonzales, che oltre a ciò, ha lʼabilità di adattare un componimento puramente classico, in chiave pop.
Successe con Solo Piano e succede con Solo Piano II.
Ed anche se qui il Gonzo non raggiunge il livello del precedente, sia per lʼ effetto spiazzante che ebbe il primo, sia per livello compositivo che diviene meno dʼ impatto per lasciare posto ad un sofisticato nervosismo che emerge dai tasti.
Per farla breve, forse si può dire che se il primo era più Satie questo verte più il comporre di Debussy.
Ma in ogni caso siamo ancora una volta di fronte ad un disco di grande e rara manifattura.
E di questi tempi, scusate se è poco.

Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha






Read Full Post »

Miro Sassolini, voce storica della new wave italiana, fondatore negli anni Novanta del progetto sperimentale Van Der Bosch, torna sui palchi per presentare il suo nuovo progetto Miro Sassolini S.M.S. e l’album Da qui a domani, prodotto da Cristiano Santini e uscito a giugno per l’etichetta Black Fading Records.

Insieme alla poetessa Monica Matticoli e al videoartista Daniele Vergni trasformerà l’album in immagini e la sua voce condurrà il pubblico nella sfera emozionale che da sempre contraddistingue lo stile dell’Imperatore della scena musicale alternativa italiana.
 
Domenica 28 Ottobre, alle ore 21:30, presso l’Arteria di Bologna (Vicolo Broglio 1/E , Bologna – http://www.arteria.bo.it/blog/), in anteprima assoluta,  la data “Zero” del nuovo Tour! 
Ingresso: 5 euro.
 
DICONO DI MIRO SASSOLINI S.M.S.: 

La Repubblica XL
Un disco di eterea bellezza e sofisticata poetica.

Rockerilla
Fra poesia e scuola cantautoriale di alto livello.

Buscadero
Un disco raffinato di moderno cantautorato wave. 

Rumore
Suggestiva operazione tra testo, voce e suono. 

Il Mucchio Selvaggio
Una prova evocativa e di spessore. Emozionante. 

Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha





Read Full Post »

OBA DI CLASSE BONUS TRACKS

Torna all’Agorà la rassegna dedicata alla musica di qualità.

Come per le ristampe dei dischi più belli di sempre, quest’anno anche il Circolo Agorà di Cusano Milanino (MI) ha deciso di festeggiare la riedizione della propria rassegna Roba Di Classe, dedicata ai progetti musicali più ricercati, con l’aggiunta di una serie di splendidi concerti bonus. Una domenica al mese, infatti, passeranno dal Circolo artisti italiani ed internazionali di grande qualità, con generi che spaziano dal cantautorato, al folk, al gospel. I live saranno preceduti, come sempre, da un pantagruelico aperitivo, preparato con gusto e sapienza dai ragazzi del Circolo.

Di seguito i primi tre imperdibili nomi (ingresso ad offerta libera con tessera arci):

Domenica 21 ottobre – ORATIO
Flower power sdrucito su canzone italiana anni Sessanta-Settanta, accompagnato da una chitarra acustica sfrontata e una naturalezza per nulla retorica. Tra Bugo e Lucio Battisti, con qualche accento barrettiano. Arriva da noi fresco di uno split-ep con Nicolò Carnesi.
http://www.oratioband.it/

domenica 25 novembre – THE DAD HORSE EXPERIENCE
Torna in Italia il mistico cantautore-predicatore tedesco post punk country gospel, questa volta in versione extra large. Lo accompagna alla batteria Anto Macaroni, membro della band australiana “The Puta Madre Brothers”.
http://www.dad-horse-experience.com/

domenica 2 dicembre – NICOLAS J. RONCEA w/ CARMELO PIPITONE (MARTA SUI TUBI)
Con l’ultimo album “Old Toys”, il giovane cantautore piemontese ha confermato il suo talento compositivo a metà tra Iron & Wine e Elliott Smih. Tra gli ospiti del disco Luca Ferrari (Verdena) e Carmelo Pipitone (Marta Sui Tubi), che lo accompagnerà anche per questa data.
http://www.nicolasjroncea.com/

Circolo Arci Agorà

Via Monte Grappa, 27

Cusano Milanino

web: http://www.agoracircolo.it/

mail: info@agoracircolo.it

facebook: https://www.facebook.com/pages/Circolo-Agor%C3%A0/224486880940270

Ufficio Stampa:

Costello’s

web: http://www.costellos.it/

mail: costebooking@gmail.com

facebook: https://www.facebook.com/costebooking

Read Full Post »

Older Posts »