Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ARTISTA: Gonzales’ Category

Recensione a cura di ANDREA MARIGO
ETICHETTA: Gentle Threat
GENERE: Classica, piano music

TRACKLIST:
White Keys
Kenaston
Minor Fantasy
Escher
Rideaux Lunaires
Nero’s Nocturne
Venetian Blinds
Evolving Doors
Epigram in E
Othello
Train of Thought
WinterMezo
La Bulle
Papa Gavotte

Jason Charles Beck per chi non lo conoscesse, è un artista canadese.
Si firma Chilly Gonzales, detto anche “Il Gonzo”.Ama dilettarsi come musicista nellʼ elettronica, nel cantautorato e nel piano, è un  produttore (collabora con Feist e Peaches) ed è pure un regista.
I suoi live sono un vero e proprio show (si dice), dove il pubblico è reso partecipe a tutti gli effetti, ad esempio a volte qualcuno è invitato a salire sul palco per suonare.
Nel 2004 pubblicò un disco, tuttʼ ora il più acclamato dei suoi lavori, che spiazzò la critica, dando la luce ad un album composto solamente di tracce al pianoforte, ispirandosi ad Erik  Satie, quindi allʼ impressionismo musicale europeo di fine ʻ800-inizio ʻ900, quindi a  Debussy.
Impressionismo musicale che si rifà alla corrente pittorica del periodo, dove i contorni sono  più vaghi; anche nella musica ci si contrappone alla corrente romantica cercando di esaltare il timbro ed il colore dei suoni, stravolgendo la forma musicale che porta al
componimento di brani più brevi rispetto alla forma classica.
Successe allora e succede tuttʼora con Gonzales, che oltre a ciò, ha lʼabilità di adattare un componimento puramente classico, in chiave pop.
Successe con Solo Piano e succede con Solo Piano II.
Ed anche se qui il Gonzo non raggiunge il livello del precedente, sia per lʼ effetto spiazzante che ebbe il primo, sia per livello compositivo che diviene meno dʼ impatto per lasciare posto ad un sofisticato nervosismo che emerge dai tasti.
Per farla breve, forse si può dire che se il primo era più Satie questo verte più il comporre di Debussy.
Ma in ogni caso siamo ancora una volta di fronte ad un disco di grande e rara manifattura.
E di questi tempi, scusate se è poco.

Read Full Post »