Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ARTISTA: Grimoon’ Category

ETICHETTA: Macaco Records
GENERE: Folk rock

TRACKLIST:
1. Les Couleurs De La Vie
2. Souvenirs
3. Monument Aux Déserteurs
4. Draw On My Eyes
5. La Montagne Noire
6. Directions
7. Les Démons Du Passé
8. Tango de Guerre

I Grimoon sono una formazione quantomeno interessante; italo-francesi, hanno già preso la strada dei tour internazionali, girovagando per gli USA, dove hanno registrato insieme a Pall Jenkins dei Black Heart Procession, mentre la produzione a casa gliela cura per la terza volta Giovanni Ferrario. Ospiti l’immancabile Enrico Gabrielli, lo special guest più richiesto dell’ultimo decennio, e un pezzo dei Manuok dietro le pelli (Scott Mercado).
Per immergersi nel loro folk che prende dalle loro esperienze extraitaliane tutta la sua forza e la sua comunicatività, una sorta di vintage rock bucolico che attinge tanto dal blues quanto dal dark tanto in voga nei saloni club della hipsteria de noartri, bisogna ripetere più volte l’ascolto. Fondere tutto ciò in qualcosa di compresso e comprensibile a tutti è difficile, e senz’altro ridurne le innumerevoli influenze all’osso risulta anche un’esercizio di stile inevitabile in queste situazioni. Ecco perché Le Deserteur, esperimento bilingue dai forti approdi anni sessanta, risulta irrecivibile per alcuni dei contenitori più inamovibili del settore indie italiano. Toni quasi da mitologia (l’atmosferica e tiepida ballad prog ’70 “La Montagne Noire”, tra PFM e Balletto di Bronzo) si scontrano con l’elemento danzabile (“Tango de Guerre” e “Souvenirs”, quest’ultima vera icona del disco, con il suo linguaggio popolare e semplice, un gusto per la poesia che se fosse da loro manipolata sembrerebbe una pastorella.

Per tutte le tracce del disco, la band a cavallo tra Rennes e Venezia sta in sospensione tra i toni allegri e dolciastri di un’acustica onnipresente (senza risultare né pesante né ridondante) e quelli più amari da vecchia cantata di troviere (“Les Couleurs De La Vie”), il tutto tamponato da un impalpabile gusto rock che trova in una produzione pulita e in un sound deciso e levigato la sua scorta vitaminica essenziale a riprodursi nella mente dell’ascoltatore senza stancare.
Disco senza fronzoli, schietto e delicato. Forse il loro lavoro più completo.

Annunci

Read Full Post »