Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ARTISTA: Benjamin Gibbard’ Category

Recensione a cura di ANDREA MARIGO
ETICHETTA: Barsuk Records
GENERE: Alt-pop

TRACKLIST:
Shepherd’s Bush Lullaby
Dream Song
Teardrop Windows
Bigger Than Love
Lily
Something’s Rattling (Cowpoke)
Duncan, Where Have You Gone
Oh, Woe
A Hard One To Know
Lady Adelaide
Broken Yolk in Western Sky
I’m Building a Fire

Voto: 3/5

Benjamin Gibbard non è nuovo a progetti extra – Death Cab for Cutie. Si ricorda allʼ esordio il progetto All Time Quarterback, album solista super lo-fi per suoni e composizione; il memorabile esperimento indie-elettronico con Jimmy Tamborello (Dntel) che diede vita ai Postal Service ed infine il breve ma ben riuscito dischetto fatto con Andrew Kenny dove uscì lʼ anima più country da sempre parte di Gibbard.Tutto ciò pre 2005, data emblema che vede il buon Gibbard cimentarsi verso lidi più pop da lì in avanti.
Esce ora Former Lives, raccolta di 12 brani scritti dal poliedrico americano negli ultimi 8 anni.
Il risultato infatti (e cʼera purtroppo da aspettarselo) è di poco differente da quello che egli fa nei Death Cab dal 2005 appunto, anche se qui forse si diverte a mischiare di più i vari generi (pop, country, americana) o a sondare nuove strade come nei casi di Shepherd’s Bush Lullaby, interamente fatta a cappella o nella messicana Something’s Rattling ottenendo un risultato apprezzabile.
Per il resto niente di più niente di meno dei Death Cab post Plans, quindi nessun stupore per lʼascoltatore o per chi si aspettava magari un ritorno alle origini, anche se pezzi come A Hard One to Know e I’m Building a Fire sono molto validi, di sicuro i migliori brani dellʼalbum.
Un disco discreto per carità ma viene da chiedersi: ne avevamo bisogno? forse per Gibbard si, e vedremo in futuro se questo comporterà un ulteriore cambiamento nella sua carriera.
Oppure semplicemente aveva bisogno di divertirsi e senza dubbio dal disco emerge che ci è riuscito, ma chi ascolta, forse si divertirà un pò meno.

Read Full Post »