Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2013

L’ormai storica band texana dei Balmorhea sarà di nuovo in Italia nel tour di presentazione dell’ultimo disco, Stranger. Le date in questione sono le seguenti:

02.10.2013 – Raindogs, Savona
03.10.2013 – Init, Roma
04.10.2013 – Cortile d’Onore, Carpi (MO)
05.10.2013 – Bronson, Madonna dell’Albero (RA)
06.10.2013 – Apartamento Hoffmann, Conegliano Veneto (TV)
07.10.2013 – Blah Blah, Torino

In occasione del tour, siamo riusciti ad intervistarli. Ecco la nostra “piacevole conversazione” con i Balmorhea, in inglese, mentre quella in italiano verrà pubblicata tra qualche giorno!

Hello. Thank you for taking part in this interview. I didn’t want to ask you how and when was your band born so I chose to simply ask you WHY did you choose to form it?

Michael and I chose to start the band because we simply wanted to play music together. We had each been working on some simple and quiet music individually and wanted to see if we could help each other fill our songs out.

You are currently touring to promote your latest record, called “Stranger”. Are you satisfied with the reactions you had from reviews and fans? What are the main differences from Stranger and everything you produced before?

We have been very satisfied with the reactions from fans and the media! Stranger is a bit different from some of the previous music we have made. Most notably, it is quite different from the preceding record, Constellations, which is a quiet and somber affair. We have always made it a point to constantly be moving our music in new directions, not allowing ourselves to get stuck doing the same things over and over.

Is Austin, or Texas in general, an area where you could find great influences for your music? Are there any bands, still active maybe, that have been important for your sound?

While there are many great bands from Texas, and Austin in particular, I don’t think there are any specific artists who I could name as being important for our sound. Because that might be misleading. There is music we love from Texas and from all over the world that somehow gets distilled and filtered and mixed and recombined to become our own.

Your genre have been called in so many ways that it’s now impossible not to ask you…what do you think about that? how do you define your music? Is “chamber music” a good definition or not?

The problem is that we continually are making different types of music. Some of our music could be called “chamber music,” but that would be a relatively small percentage of what we have created. Some could comfortable be called folk, some called rock. Someone called our music “music of dreams” which I thought was cool. In the most basic sense, it is pop music, in so much as it is not academic music, not stridently avant-garde and works with popular music instrumentation and structures.

In the past, Balmorhea did a great work with music videos too. One that particularly impressed me was Mike Anderson’s directed one, “Candor”. Do you recall any interesting detail about the concept of that video? Are music videos important for the music you make as they are for pop music or not?

Thanks, we like that video for Candor as well. We had seen some of Mike Anderson’s other work and liked it a lot. We knew we wanted something a bit strange and other-worldly to visually represent Candor and he seemed like the right fit. We discussed a few basic thematic ideas with him and then he did it from there. He created all the sets and costumes and everything himself. It’s pretty fantastic! I’m not sure how important music videos are, but we do like working with other artists to give a visual representation to our music.

In 2011, you recorded a live concert inside a church, and released it as Live at Sint-Elisabethkerk. How did the idea of recording inside a church come to your mind and do you feel that the environment added something more to your music? Is that why you chose to record a live there?

We were asked to play in that church on a tour a few years ago and we decided on a whim to record the show. It is such a cavernous space and the atmosphere was so strange and unusual (it was so cold that we could see our breath) we new that it would be a special night. At the time we had no plans of doing anything with the recording other than listening to it to see how it sounded, but once we heard it we new that we wanted to share it. That show also came at a liminal moment for Balmorhea and represented pretty well where we had come from and where we were headed at that time.

Members of Balmorhea work outside the band too. Do you feel that the external experiences (like Aisha Burns’ solo project) can mean a further exploration for Balmorhea too?

We are super excited for Aisha and her new record! I think any time individual members grow and try new things its bond to have an effect on the band. What that effect will be remains to be seen. For example, as Aisha has grown more comfortable singing in the past few years we have been able to incorporate her beautiful voice into more Balmorhea music.

I’ve seen you tour Italy more often than I could imagine when I first listened to your music. What are your feeling about playing here? The Italian audience often polarizes comments: you get someone who particularly loves it and other totally hates it because it seems to be noisy and maybe not interested in music. Do Balmorhea have their own opinion about this?

We love playing in Italy. There is something so warm and receptive about the audiences there. Pretty much everyone we have met treats us like family, cooking meals for us, sharing the best grappa.

Do you recall any strange, interesting or simply noteworthy fact about your last dates in Italy? You were here last March, right?

We had an amazing concert in Foligno at Auditorio San Dominico. In the US you would very rarely get to play in such an old and beautiful space. It was special. We also are starting to think of Init in Rome as one of our favorite stops in Italy, as well as Bronson in Ravenna, both of which we are excited to play again on this tour!

What is the best country where to play, according to your touring experience by now? And where would you love to bring your music but you didn’t have the occasion yet?

We love playing everywhere. some of our best audiences are in Italy, Spain, Belgium Istanbul and Russia. We would love to perform in Greece, Australia or anywhere in Asia. But truly, we want to perform everywhere!

Thank you for having taken part in this very pleasant conversation. Let’s see you in one of the future Italian dates!

Thank you!

Ecco l’ultimo disco Stranger su YouTube

si ringrazia Ja.La Media Activities per averci messo in contatto con la band

Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha







reach BLASTEMA @
official site 
facebook
soundcloud

next TOUR DATES
27.09.2013 MEI, Faenza (RA)

Read Full Post »

Il 2013 è sicuramente l’anno dei Daft Punk, tornati alla ribalta (se mai se n’erano andati) con un disco, Random Access Memories, che resterà nella storia e che entra di diritto nella top ten dei dischi dell’anno. Se non fosse che, nel 2013, non sono usciti dieci dischi meritevoli di entrarci. Appurato che quindi l’attenzione della stampa mondiale è giustamente tutta concentrata sul duo francese, condividiamo due playlist che i Daft hanno creato su Spotify.
Thomas Bangalter ha fatto parlare di sé per queste venti canzoni:

Non stupisce la presenza, doppia, di Giorgio Moroder, ma fa piacere invece che siano ancora apprezzati gli MGMT, Bon Iver o i mai dimenticati Jackson 5.

Un mese dopo, Guy-Manuel de Homem-Christo rilanciava così:

Più equilibrata la sua scelta, ma anche più pop. Di Drake Juicy J si rileva la scelta di aver estrapolato dei brani sicuramente superiori a tanta roba mediocre uscita con questi nomi, ma certo non ci si aspettava Phil Collins, né un risveglio dell’anima punk udibile in qualche synth delle origini con i Ramones.

Quando basta una playlist su Spotify per far parlare di sé, significa che sei arrivato. Ma non c’era bisogno di questo per dirlo. Ecco l’ultimo video dei Daft Punk, Lose Yourself to Dance, (come Get Luck forte del featuring con Pharrell Williams) in attesa del terzo singolo Doin It Right dove alla voce, ricordiamolo, troviamo un nome già visto nella playlist di Bangalter qui sopra, ovvero Noah Benjamin Lennox, più conosciuto come Panda Bear e per i suoi contributi in band come Animal Collective e Jane.

Read Full Post »

Concorso per cantautori post-contemporanei
Iscrizioni dal 15 settembre al 15 novembre 2013
Serate finali 20-21-22 febbraio 2014 all’interno del festival “Sotto il Cielo di Fred”

Riparte il 15 settembre per la sua terza edizione il Premio Buscaglione, il concorso a cadenza biennale che negli ultimi anni si sta affermando come una delle più interessanti manifestazioni italiane dedicate alla canzone d’autore. Un Premio giovane e dinamico, il primo in Italia ad aver dato la possibilità di iscriversi sul web, gratuito ed aperto a tutti, con la possibilità di aggiudicarsi premi molto ricchi. Tra questi un primo premio da 3000 euro, il Premio La Tempesta Dischi che consentirà di vedere un proprio brano inserito all’interno della compilation prodotta annualmente della più prestigiosa etichetta indipendente Italiana ed un Premio della Critica che permetterà di aggiudicarsi un live tour all’interno dei numerosi festival partner dell’evento. Il tutto ricordando la figura artistica di Fred Buscaglione, legato a doppio filo alla città di Torino in cui è nato il Premio ed al concept dello stesso, tanto per la lunga gavetta compiuta prima di raggiungere il successo quanto per il suo coraggio nel configurarsi come un artista fuori dagli schemi e che non è mai sceso a compromessi.

Sarà possibile iscriversi esclusivamente su http://www.sottoilcielodifred.it dal 15 settembre al 15 novembre 2013 (il regolamento completo è disponibile sul sito). Dal 15 novembre la giuria di qualità, composta da alcuni tra i più importanti addetti ai lavori italiani, procederà all’ascolto di tutto il materiale pervenuto, selezionando 9 semifinalisti. In parallelo, dal 16 novembre al 16 dicembre, anche la giuria popolare potrà ascoltare e votare i brani degli iscritti sul sito web del concorso, andando così a delineare una propria classifica di gradimento. Tra i primi 5 classificati della giuria popolare sarà poi la giuria di qualità a determinare 1 ulteriore semifinalista, che andrà così a completare la line up delle 10 band che si esibiranno dal vivo durante le serate finali. I semifinalisti verranno resi noti il 20 dicembre 2013.

Le serate finali si terranno il 20-21-22 febbraio 2014 all’interno del festival dedicato a Fred Buscaglione “Sotto il Cielo di Fred”, che prevedrà anche la terza edizione della Notte Rossa Barbera, la prima edizione della Sagra della Barbera ed una settimana di conferenze tematiche a cavallo tra musica, cultura ed enogastronomia. Durante le serate finali i semifinalisti verranno valutati sulla base della loro esibizione live ed avranno la possibilità di esibirsi dividendo il palco con ospiti prestigiosi (tra gli artisti intervenuti nelle scorse edizioni Dente, Ex Otago, Zen Circus e molti altri). Infine ad altri 30 artisti, non selezionati tra i semifinalisti ma ugualmente ritenuti meritevoli, verrà data la possibilità di esibirsi all’interno dei locali che aderiranno alla Notte Rossa Barbera durante lo svolgimento della stessa, garantendo così in totale la possibilità di esibirsi live a ben 40 progetti musicali tra quelli iscritti.

Il Premio Buscaglione è organizzato dall’Associazione Culturale F.E.A., ed si sostiene anche grazie alle serate “Avanzi di Balera” che l’Associazione organizza a Torino nel corso di tutta la stagione.

SUL WEB: http://www.sottoilcielodifred.itinfo@sottoilcielodifred.it
UFFICIO STAMPA: Libellula – press@libellulamusic.it – 3927208477

Read Full Post »

L’ultima tappa del tour di presentazione del nuovo capitolo discografico di Elio e Le Storie Tese, l’Album Biango, arriva a Padova, dove per l’ennesima volta i milanesi fanno registrare un’affluenza di folla clamorosa e un’accoglienza calorosissima. Salta subito all’occhio, come accade sempre a un loro live, la trasversalità del pubblico, che abbraccia una fascia d’età tra i quindici e i cinquant’anni senza alcun problema, sebbene la concentrazione maggiore sia situata più dalla parte dei giovanissimi. Il passaggio da band iperdemenziale, per certi versi di nicchia, a band mainstream che riesce a “rappresentare” qualcosa segna ormai una sorta di spartiacque rispetto al vecchio corso della band, sia questo “qualcosa” la loro supremazia tecnica sulla maggior parte dei progetti italiani dotati di questa risonanza mediatica, oppure l’enorme impatto dell’iconografia che gli Elii hanno imposto per decenni, creando un linguaggio che ad ogni nuova uscita genera tormentoni indimenticabili a prescindere dalla qualità dei brani (Complesso del Primo Maggio e Dannati Forever ne sono un esempio).
L’Album Biango è un lavoro di un livello un po’ inferiore rispetto ai suoi due immediati predecessori e live si pensava potesse assumere una verve diversa, perlomeno vista l’eccezionale capacità strumentale della band che ormai si dà talmente tanto per assodata che non vale nemmeno più la pena di commentarla. In realtà, Il Tutor di Nerone, Il Ritmo della Sala Prove e soprattutto Lampo non hanno né il mordente né quella carica di simpatia che rendeva accessibili brani altrettanto sopravvalutati come Tristezza e Ignudi tra i Nudisti, estratti dal precedente Studentessi (e, per la cronaca, non suonati al Geox ieri). Tolto questo, l’unica segnalazione negativa da fare riguarda l’acustica terribile del Gran Teatro Geox, un tendone più che una sala concerti, anche se sembra che lavori programmati all’impianto siano destinati a risolvere l’annoso problema. Il resto della scaletta, che conta ovviamente le stupende hit storiche Parco Sempione, El Pube, TVUMDB e Discomusic, immancabili ormai da diversi tour, e la vera vincitrice di Sanremo 2013, l’ottima (anche dal vivo) La Canzone Mononota, sorprende per il reinserimento dopo lungo tempo di Supergiovane, con un Mangoni in grande spolvero, rimanendo per il resto attaccata ai cliché delle ultime costruzioni di setlist. Quella di ieri la potete leggere qui sotto:

INSTRUMENTAL INTRO
SERVI DELLA GLEBA
DANNATI FOREVER
LA CANZONE MONONOTA
LAMPO
IL TUTOR DI NERONE
IL RITMO DELLA SALA PROVE
T.V.U.M.D.B.
COME GLI AREA
SUPERGIOVANE
EL PUBE
DISCOMUSIC
COMPLESSO DEL PRIMO MAGGIO
IL ROCK AND ROLL
BORN TO BE ABRAMO

PARCO SEMPIONE
TAPPARELLA

La scelta è evidentemente piuttosto banale, ma si spera che essendo il tour dell’Album Biango concluso, ci vengano regalati in futuro momenti di maggior originalità nella selezione dei brani da eseguire dal vivo (l’anno scorso al Geox ci fu questo show, davvero all’altezza dei vecchi tempi).

Gli Elii sono come sempre una band impeccabile dal punto di vista tecnico, coesi quanto basta per raggiungere sempre la coerenza necessaria a rendere il concerto spettacolare anche nella sua veste “teatrale”. Si tratta, come sempre, di un’intelligente mescolanza di musica e siparietti comico-grotteschi, talvolta dal retrogusto politico, e le interazioni con Vittorio Cosma, ribattezzato Carmelo, sostituto storico di Rocco Tanica nei suoi periodi di assenza, si convertono nei momenti più divertenti dei segmenti non suonati dello show. Non è possibile, neppure stavolta, dire che il concerto non sia stato divertente, nonostante le pecche nell’acustica e qualche visibile problemino sul palco, soprattutto dalle parti di Faso. Il già citato Cosma, inoltre, suona esattamente come Rocco Tanica e l’accoppiata con Jantoman crea un feeling che si situa solo pochi millimetri dietro quella che è la vera macchina da guerra della band da sempre: la sezione ritmica Faso-Meyer. Non sono solo le capacità strumentali a risaltare quando sul palco ci sono Elio e le Storie Tese, ma anche il rapporto che dopo tutto questo tempo ancora regge la baracca. Non è raro infatti, vedere Elio strappare qualche sincero sorriso all’ormai perfettamente integrata corista Paola Folli, così come Mangoni, capace come sempre di creare, in senso positivo, un discreto imbarazzo sia tra i presenti che tra i suoi colleghi.

Prima della conclusione, una nota di colore: prima degli Elii, si è esibita la vincitrice di X Factor 5, la vicentina Francesca Michelin, che però non siamo stati in gradi di seguire. Per quanto si possano fare commenti riguardo la scelta dell’artista d’apertura, non avendo potuto valutare il live dal vivo, conviene astenersi. Sicuramente c’è da dire che la giovane cantante veneta ha dimostrato in televisione capacità canore che non stonano rispetto alle altrettanto ottime abilità di Elio.

Impossibile dire che il concerto sia stato brutto. Difficile anche poter pretendere di più, al di fuori della scelta dei brani. Anche questo conferma che tra le uniche band che riescono a fare arte nel duemilatredici in Italia ci sono loro, come si è già detto tante volte. Anche se Un Tour Biango è giunto al termine (ed è finito così), The Webzine, senza dubbio, li seguirà ancora.

foto di Paola Folli fatta da un membro della crew di Elio durante “Lampo”, che parla appunto di foto

PRECEDENTI ARTICOLI RIGUARDANTI ELIO E LE STORIE TESE SU “THE WEBZINE”
fotoreport di Elio e Le Storie Tese live @ Teatro Filarmonico di Verona, 27.07.2012 by LaMyrtha

SEGNALAZIONE FINALE:
A seguire con noi la serata c’era Jacopo Muneratti, con il quale il sottoscritto condivide da anni un altro blog di critica musicale, Good Times Bad Times. Il suo articolo è a questo link.

Read Full Post »

Il 27 Settembre 2013 al Teatro Miela di Trieste arrivano i Rezophonic! La giornata prevede anche altri concerti e incontri.

Ore 18 – Music meets social:
Incontro aperto a tutti con il frontman dei Rezophonic, Mario Riso, che ci racconterà l’esperienza con la band. Interverranno il presidente della Consulta Giovanile del Comune di Trieste Francesco Sinicco e il redattore della rivista Argo Tommaso Granato.

Ore 19.30 – Opening band preview:
Coloured Sweat e Underhouse, vincitori dell’Opening, in concerto.

Ore 21 – Rezophonic in concerto GRATUITO

L’evento Facebook è qui.

Read Full Post »

La prima band che intervistiamo con The Webzine, media partner del contest rodigino The Ring, è il progetto rock/fusion/stoner degli Psycodelictrip, che si esibiranno sul palco del Discoplanet di Borsea (RO) nella prima serata di The Ring venerdì 20 Settembre 2013 insieme a Rebelde Black Machine e Edenweed.

Per seguire THE RING utilizzare la pagina Facebook:
https://www.facebook.com/pages/The-Ring-Contest-per-Band-Emergenti/222881867864951?ref=ts&fref=ts

L’evento Facebook della serata di venerdì in cui si esibiranno anche gli Psycodelictrip è qui:
https://www.facebook.com/events/504000433023818/?ref=22

Listen here:

Ciao Psycodelic Trip. Iniziamo subito con una domanda sulla vostra idea di musica. Parole o musica? Cos’è più importante nelle votra canzoni e cosa volete comunicare tramite questi due elementi?
Sicuramente per noi è più importante la musica con la quale vogliamo trasmettere, passione, energia e psicotica riflessione.

Pensate che con i vostri brani il pubblico debba stupirsi della tecnica o emozionarsi? Cosa pensate che accada quando vi ascoltano?
Prima di tutto devono piacere i pezzi. La tecnica deve essere al servizio delle idee, delle emozioni, della sana follia musicale. Con i nostri pezzi penso che il pubblico senta una buona dose di adrenalina anfetaminica e di piacevole verde melodia psichedelica.

Perché dovrebbero votare voi al concorso?
Dovrebbero votare noi perché in caso di vittoria promettiamo pane, insalata e figa per tutti, anche per le ragazze

Citate un po’ di esperienze interessanti che avete fatto o farete con la band…
Più o meno le solite cose. Concerti, CD in studio, due video di ottima fattura (grazie all’amicizia con la Seenfilm) e ancora concerti. Tenendo presente che non siamo giovanissimi e quindi sono molti anni che suoniamo, anche con precedenti formazioni, ci siamo fatti…diverse esperienze.

Considerata la zona in cui vivete oppure le regioni in cui avete suonato, avete notato dei problemi comuni nella scena musicale? Cosa pensate che andrebbe cambiato nel modo di organizzare concerti, di concepire le serate e soprattutto nella maniera che ha il pubblico di scegliere i live da andare a vedere?
Purtroppo anche in province limitrofe (Padova, Ferrara, Mantova, Verona) c’è un proliferare enorme delle tribute e cover band e questo rende l’ambiente molto saturo. Per migliorare la situazione io propongo che venga data la possibilità di organizzare eventi solo ad associazioni o gestori con un minimo di cultura musicale. Se tu vuoi fare il cuoco o il pizzaiolo, o preparare dei cocktail, devi avere un minimo di esperienza o di studio. Lo stesso metro di misura andrebbe applicato per chi organizza le serate. Se non conosci un po’ di musica niente permesso. Sono convinto che così facendo, le band di musica inedita avrebbero più spazio

Infine, momento “Pubblicità”. Dove possono ascoltarvi i lettori di THE WEBZINE?
Ci possono ascoltare su Facebook, YouTube e infine Soundcloud.

Ricordiamo che il concorso è un’idea di 101 Booking e Emme Comunicazione.
http://101booking.wordpress.com
https://www.facebook.com/pages/101-Booking/169630793079929?ref=ts&fref=ts
https://www.facebook.com/pages/Emme-Comunicazione/154029094631771?ref=ts&fref=ts

Read Full Post »

Recensione  e intervista a cura di Enrika S.A. Scream

LIVE REPORT

Dopo aver visto MTV Spit 2013, non ce lo fai un giro a vedere Shade live? Ovvio. E quindi io e la mia amica alle 20.30 del 7 settembre siamo a Cologne, in provincia di Brescia a vedere se Shade è veramente così bravo come sembra in TV. E la risposta è sì. Ma andiamo per gradi.

Il locale a quell’ora è già pieno, non chiedetemi il motivo. Noi entriamo convinte, chiediamo dell’artista per l’intervista. Ci chiedono se possiamo aspettare una mezz’oretta, sta ordinando da mangiare. Rispondiamo di sì, tranquille, tanto, mica cambia qualcosa. Poi arriva lui e ci dice che vuole aspettare, che intanto ordina, ma prima di cenare vuole fare l’intervista. Ci chiede chi siamo, di dove siamo, e per che rivista scriviamo. E già qui mi fermo e vi dico che in tre anni da giornalista non mi sono mai, e dico mai, sentita chiedere da qualcuno ‘per che rivista scrivi?’ e tanto meno chiedere cose su di me. Mai. Senza contare che esistono anche persone che mangiano tranquillamente mentre tu gli parli o che non ti dicono niente e spariscono, lasciandoti a metà. Vabbè, lasciamo perdere; diciamo solo che il ragazzo ci piace. Comunque, iniziamo, tra battute e scherzi in poco tempo finiamo e lasciamo che Vito possa cenare, ma solo con la promessa che ci rivedremo dopo.
A questo punto abbiamo tempo di guardarci intorno e di analizzare l’ambiente. Questo è un locale dove, quando ci venivo spesso, tipo uno due anni fa, ci giravano le migliori persone. Ci ho visto band bravissime, rock, metal, pop e anche rap. Adesso che mi guardo intorno vedo solo ragazzi e ragazze con massimo 12 anni, con vestiti decisamente molto discutibili e l’immancabile alcolico in mano. Della musica proveniente dall’interno del locale ci salva dal pronunciare ulteriori pareri non ripetibili: la battle freestyle è iniziata e non vogliamo perdercela.

Entriamo, il locale è pieno e i freestylers si passano il microfono l’uno all’altro. Non so dirvi bene come è andata la sfida, in realtà, per il semplice motivo che ho visto solo la prima selezione e su circa dieci che hanno cantato, me ne è piaciuto uno (e neanche tanto), quindi ho abbandonato l’impresa. Sinceramente mi aspettavo di trovare qualche piccolo talento, o boh non lo so. Invece niente. Peccato. Visto che, oltretutto, c’è anche pieno di gente che ci guarda male (?!), usciamo e aspettiamo che prendano posto Rew e Shade. Dopo un tempo interminabile, rientriamo. Il locale è pieno. Ci mettiamo in prima fila, io sul palco a fare le foto. Il concerto non dura molto, circa un’oretta, ma il duo dimostra di aver grinta fin dall’inizio. Il pubblico, confermando la nostra ipotesi di ‘persone senza gusto’, diminuisce, ma chi rimane è in estasi. Rew e Shade non si lasciano scoraggiare e continuano a richiamarlo all’attenzione e a coinvolgere la gente, ora urlando di cantare, ora di alzare le mani. Sono proprio bravi. Decisamente troppo presto, il concerto finisce, ma prima di scendere dallo stage, i torinesi dedicano un po’ di tempo al freestyle. E in realtà, se fino ad adesso sono piaciuti, beh, è in questo momento che ti innamori, perché è nel freestyle che vedi la vera bravura dell’artista. Che Shade avesse una vena comica lo sapevo, che facesse veramente ridere no; e idem Rew. Che piacevole scoperta! I ragazzi si sfidano, prendono oggetti dal pubblico, ci rimano sopra, poi li restituiscono. Come gran finale Rew prende addirittura un ragazzo dal pubblico. Se dovessi dare un voto da uno a dieci, sarebbe undici. Sarà che io magari avevo delle basse aspettative, ma mi hanno proprio sorpreso.

Alla fine del live, i rapper scendono dal palco per fare foto e autografi ai fans. Io passo molto alla svelta a complimentarmi e a salutarli per l’ultima volta, con la promessa di vederli presto in provincia.

INTERVISTA A SHADE

Bene, iniziamo. Come prima cosa ti dico che non voglio farti un’ intervista noiosa, ma preferisco andare a fondo, scoprire il vero Shade. Quindi, presentati.

Sono un coglione, ho 25 anni, sono di Torino. Studio, o almeno mi piace dire che studio recitazione in una accademia. Siccome sono un ragazzo molto egocentrico, il rap non mi bastava e ho incanalato tutto il mio egocentrismo nella recitazione. Ho anche fatto e faccio tutt’ora il comico. Direi che con ‘sono un coglione’ avevo riassunto bene la risposta.

Sappiamo che i tuoi interessi sono molto ampi. Ho sentito che fai anche il comico. Hai iniziato prima a fare quello o hai iniziato prima a fare rap?

No, ho iniziato prima a fare rap. E’ nato abbastanza per caso: ho sempre avuto un’attitudine molto comica, anche nei live, nei pezzi: racconto sempre cazzate, storielle. E’ successo per caso, due o tre anni fa, allo Zelig, mi ero trovato lì, ad un contest, avevo vinto e fatto amicizia con i comici. Quindi, gli ho fatto leggere un po’ di roba che scrivevo io e abbiamo fatto delle serate insieme. E da lì ho iniziato a fare lo stand-up comedian.

Quindi non hai abbandonato quel mondo?

Al momento sono così preso dalle faccende musicali, che non riesco a dedicarci molto tempo, però sto lavorando anche a quello. Vorrei girare una webseries, insieme ad Alessandro Regaldo, il mio sceneggiatore. Lui mette le cose serie, io le cazzate, così esce una cosa decente.

Da Zelig al freestyle però è un bel salto, soprattutto insolito. Come ti sei avvicinato a quel mondo?

Beh, a 16 anni, andando in skateboard, che cosa ascolti? Ascolti rap. Ero fan di Eminem (e lo sono tutt’ora), e avendo visto 8 Mile, ho visto le battle freestyle e mi sono innamorato di quel mondo lì. Anche perché, oltre a essere egocentrico, io sono anche uno stronzo, e mi diverto un mondo a prendere in giro la gente: fare le battle freestyle è stato il passo successivo. E mischiare comicità e rap è stato così spontaneo che non saprei dirti neanche come, è proprio come sono fatto io.

Ora, vero che la musica viene prima di tutto, ma è anche vero che il come con cui ti presenti lascia la prima impronta nella mente dell’ascoltatore. Come hai scelto il tuo nome d’arte?

Mi sono studiato tipo una ventina di spiegazioni strafighe sul mio nome. La realtà è che mi piaceva come suonava. No, vabbè, c’è questo discorso dietro: volevo chiamarmi Fede, ma c’era già uno che si chiamava così a Torino, nei Lyricalz, un gruppo rap storico degli anni ’90, che è stato il periodo d’oro del rap. E io, che comunque ho iniziato a rappare nel 2005, li ascoltavo e avevo grande rispetto, quindi non mi sarei mai permesso di chiamarmi come uno di loro. Poi c’era Yoshi, che era Tormento dei Sottotono. Allora ho fuso Yoshi e Fede ed è uscito Shade.

Cioè tra Yoshi e Fede ti è uscito ‘Shade’?

Sì! Lo so, è una cazzata clamorosa. Però una volta un tipo viene e mi dice ‘Ti chiami Shade perché significa ‘peccato’ in tedesco?’ e io ho detto ‘Sì, mi hai beccato.’ Mi piaceva molto di più.

Una delle più grandi soddisfazioni che tu abbia mai provato immagino sia stata vincere MTV Spit 2013. Come è stato? Te lo aspettavi?

Ti sembrerà da Miss Italia la risposta, ma non me lo aspettavo veramente. E se devo dirti come è stato, la parola che riassume tutto è ‘emozionante’. E’ stata davvero una bella emozione che non ho ancora metabolizzato. Probabilmente se prima di Spit fosse arrivato uno Shade dal futuro, con la Delorean, a dirmi ‘Oh! Guarda che lo vinci tu Spit!’ mi sarei messo a piangere e gli avrei risposto ‘Ma vaffanculo non è vero.” Invece, dopo aver vinto, non ho mai avuto quella roba da dire ‘Minchia, ho vinto.’ Cioè, non mi è mai balzato in mente, non l’ho ancora metabolizzato. Però è stato bello. È stato diverso dalle altre battle, perché quando hai delle telecamere davanti è tutto diverso, hai una pressione differente.

E come è l’ambiente?

Guarda, ti dirò la verità: ti mette nella condizione peggiore. Sei uno che deve improvvisare. Stai lì dalla mattina fino alla sera, non sai su cosa dovrai rappare, cosa dovrai dire e, insomma, stare lì così per otto ore ti spegne un po’ la fantasia. Fortunatamente è un programma con il pubblico, quindi se sei un rapper, il tuo istinto è di prendere il pubblico, far prendere bene la gente. Quello ti aiuta molto. Se non ci fosse il pubblico sarebbe deleterio, quindi diciamo che il fatto che ci fosse molta gente mi ha stimolato molto.

E cosa fate dalla mattina alla sera?

Eh, ti mandavano lì dalla mattina. In realtà poi preparavano lo studio, facevano le prove con i check, arrivavano i guest. Quindi era necessario essere lì dalla mattina.

A dirla tutta, hai vinto un sacco di soldi, 5 mila euro se non erro. In cosa li hai spesi?

Sono ancora lì, illibati, nel forziere di MTV. Non lì ho ancora spesi.

E non hai idee?

Guarda, mi sono ripromesso di fare un regalo a mia madre, ma ancora non le ho preso niente. Sono un pessimo figlio. Non so neanche cosa regalarle, anche perché mia mamma ha dei gusti di merda, quindi per farla felice dovrei regalarle un cd di Gigi D’Alessio e entrare in un negozio a prendere un cd di Gigi D’Alessio per me è una vergogna. Metti che mi vede qualcuno!

Magari ti riconoscono.

Eh sì! No, comunque, pensavo a un viaggio. Magari a Los Angeles a fare un giro agli Actor Studios.

Se ti serve qualcuno che la accompagni mi offro.

Il posto c’è.

Spit non è l’unico concorso che hai vinto. Ci sveli il tuo segreto? E’ tutta farina del tuo sacco o hai degli oggetti o dei riti porta fortuna?

Non ci sono rituali particolari. In realtà quello che secondo me mi fa vincere è il fatto che mi diverto. Quello è il segreto. Tanti rapper con cui mi incontro sono tesi, concentrati sul far prevalere la loro personalità. Io sono tranquillo, sorrido, mi diverto e mi diverto ancora adesso a fare freestyle alle serate. Avendo vinto Spit, arriva sempre il rapper di turno che ti dice ‘ti voglio sfidare’.

Hai detto che c’è sempre qualcuno teso sparaci qualche nome, dai! Fai un po’ di gossip.

(Walter, in parte a Shade): Emis Killa.

Emis Killa?

Mah, io con Emis ho un bel rapporto. Cioè, adesso non ci vediamo da un po’, forse un annetto. Però con lui mi sono sempre trovato bene. E’ un ragazzo che tanti dicono ‘Se la tira’ eccetera, ma magari lo hanno solo conosciuto in certe situazioni dove c’è la pressione del tour manager, della data e tutto. In realtà è un ragazzo molto tranquillo, con lui ti diverti anche a fare freestyle.

E gli altri di Spit invece? Tipo, non so, Ensi, Nitro..

Io quando sono arrivato a Spit loro li conoscevo già tutti. L’unico che non conoscevo con cui mi sono sfidato era Debbit, e tra l’altro, è stato una piacevole scoperta, perché mi sono trovato bene a fare freestyle con lui, è simpatico, ironico, eccetera. Ti dirò, ovviamente, il miglior freestyler di quelli che sono stati a Spit è Ensi, abbastanza scontato. Un gradino, ma proprio un briciolo sotto Ensi, ci metto Kiave.

Quindi, Ensi sopra tutti?

Ensi sopra tutti. Subito sotto, Kiave.

Stai riscuotendo un successone. Quali sono i prossimi progetti? Qualcosa riguardo il freestyle, undisco da solista, un tour o che altro?

Ci sono tutte e tre queste cose. Ho un disco da solista in lavorazione: l’ho scritto tutto, lo devo solo registrare. Ovviamente non posso svelare quali sono i featuring, quali sono le produzioni.

Ci speravamo.

No (ride). Sono tutti artisti che stimo tantissimo, mi sono tolto i miei sogni di quando ero un ragazzino.

Dai su, dicci qualcosa! Abbiamo tutte e due sedici anni. Vabbè la mia amica un po’ di più.

(ride) Diciamo che uno di questi è il mio rapper preferito. Gli altri sono rapper che stimo tantissimo, che mi hanno sempre emozionato. Invece, per quanto riguarda il freestyle: se va in porto questa web series, in ogni puntata ci sarà il mio momento freestyle. Poi ho in programma anche dei video virali, in cui farò cazzate in giro. Quello che mi riesce meglio.

Per ultimo, ti faccio una domanda diretta al concerto di oggi. Che cosa ti aspetti dai fan bresciani? E dai freestylers?

Mi aspetto un livello abbastanza alto dei freestylers, anche perché quelli del nord sono tutti molto improntati sulle punch-line e difficilmente sono come quelli deil sud, che fanno freestyle più tranquilli, più chillin’, usando un termine tecnico. Mi aspetto una battle in cui ci si scanni abbastanza, mi voglio divertire. Per quanto riguarda la gente, sono sicuro che saranno caldi.

Grazie mille per il tuo tempo! Ci vediamo più tardi.

Figurati, grazie mille a voi.

Read Full Post »

Recensione a cura di Enrika S.A. Scream

GENERE: Alternative rock/post-hardcore

TRACKLIST:
Stay (Rihanna cover)
Mirrors (Justin Timberlake cover)
Radioactive (Imagine Dragons cover)
Clarity (Zedd cover)

Voto: 5/5

‘A Summer Of Covers’ è una serie di cover rilasciate lungo l’estate dagli Our Last Night. La band, raggiunto l’apice con il precedente album ‘Age Of Ignorance’, decide di creare questo ‘EP’ (pubblicato ad episodi su Youtube) prendendo canzoni molto famose e riarrangiandole secondo il proprio stile.
Il tutto segue una linea generale di composizione – sostanzialmente la band prende le canzoni e le trasforma, utilizzando toni più forti, ma non fastidiosi. Vengono aggiunte chitarre elettriche, i bassi vengono accentuati, la batteria aumenta il tempo. That’s it.
Poi, esattamente a metà, la storia cambia. Arriva la cover di Radioactive, originalmente degli Imagine Dragons. E si cambia completamente, già solo pensando che passiamo da Rihanna e Justin Timberlake, agli Imagine Dragons e a Zedd. Da qui in poi troviamo dei toni ancora più forti, un ritmo sempre più accentuato, un mixaggio migliore; qui si trova l’essenza degli Our Last Night: sentiamo la voce usare tutto lo spettro delle note possibili, sentiamo dei breakdown. Spiegarvi come vanno le canzoni, cosa ci troverete dentro, non ha alcun senso, non riuscirò mai a farvi capire la perfezione di queste cover, anche se provassi duemila volte. Sono semplicemente indescrivibili (e io non sono una che fa complimenti). La forza che ha questa band ce l’hanno in pochi, molto pochi. Probabilmente mettendo insieme tutte le band alternative-rock e post-hardcore che si trovano agli apici delmainstream non riusciremo ad arrivare ai livelli degli OLN. Probabilmente non ci arriveremo mai, (Meh, che amarezza).

Ascoltate, ascoltate e imparate, perché fare cover E’ DIFFICILE e in pochi riescono veramente a coglierne il senso. Queste non sono semplici canzoni, tracce create per fare soldi; sono un esempio da seguire. Sono l’anima degli Our Last Night. Sono ‘il bello’ della musica.

Read Full Post »

Le 15 band che parteciperanno a The Ring 2013/2014, nella sua prima edizione al Discoplanet di Rovigo, sono queste:

NU BOHEMIEN
NOTE D’AMIANTO
PSYCODELIC TRIP
MATHEMAGICA
COMETALE
REBELDE BLACK MACHINE
MY TIE IS EVIL
EGOFOBICA
PLUVIAN
REBUS
GRETEL’S REVENGE
EDENWEED
THE BASE
THE GRINDERS
YLIUM

Le serate in cui si svolgerà il concorso saranno queste:

FASI ELIMINATORIE
20 Settembre 2013
18 Ottobre 2013
15 Novembre 2013
20 Dicembre 2013
17 Gennaio 2014

FINALE
La finale sarà il 21 Febbraio 2014.

Ricordiamo che ogni serata si esibiranno tre band per 40 minuti a testa, con musica prevalentemente originale (massimo una cover). Dettagli specifici su quali band si esibiranno nelle singole serate arriveranno nei prossimi giorni.
Una sola band a serata sarà mandata dalla giuria di qualità e dal voto popolare congiunti alla finale di Febbraio 2014 per concorrere al premio in palio. Le serate sono a ingresso gratuito con prima consumazione obbligatoria (5€). La location è il DISCOPLANET di Borsea (RO).

Il contest è organizzato da 101 Booking e Emme Comunicazione
http://101booking.wordpress.com/
https://www.facebook.com/pages/Emme-Comunicazione/154029094631771?ref=ts&fref=ts

La pagina ufficiale del contest è:
https://www.facebook.com/pages/The-Ring-Contest-per-Band-Emergenti/222881867864951?ref=ts&fref=ts

Read Full Post »

Articolo a cura di Enrika S.A. Scream

E’ uscita oggi, 5 settembre 2013, la nuova, attesissima, canzone di SALMO, creata in collaborazione con DOPE D.O.D. Si chiama BLOOD SHAKE.

Ascoltala qua sotto:

Music by: SALMO
Lyrics by: DOPE D.O.D. & SALMO
Scratch by: DJ SLAIT

http://www.youtube.com/salmonlebon
https://www.facebook.com/salmoofficial
http://www.salmo-officialmerch.com
https://twitter.com/salmolebon
http://instagram.com/lebonwski
http://www.facebook.com/dopedoddopedod
http://www.twitter.com/dopedod
http://www.dopedod.com
https://www.tantarobalabel.com

Read Full Post »

ETICHETTA: Autoproduzione
GENERE: Alternative

TRACKLIST:
Ci Stiamo Sbagliando
Mi Sto Ammalando
Fefè
Un Giorno di Festa
Cip Cip

Ritornano a pubblicare materiale i pugliesi Lapest3, formazione alternative rock con influenze anche sperimentali che con cinque nuovi pezzi conta di riaffermare la propria presenza sulla scena nazionale. Il quintetto di brani qui incluso, ad essere sinceri, non presenta senz’altro una visione innovativa nel percorso della band e non fa altro che confermare tutto quanto già si sapeva. La cosa positiva è che il risultato è molto buono, allontanando le prime avvisaglie di banalità per lasciare spazio ad un decorosissimo quadretto di squisita musica italiana come se ne fa poca ormai.
Ci Stiamo Sbagliando, Un Giorno di Festa e Cip Cip, in particolare, racchiudono tutta l’anima di una band che si è sempre distinta per un’ottima abilità compositiva, se possibile ulteriormente maturata in questo nuovo sforzo. Si distingue dal resto sicuramente il contributo della chitarra, che sembra seguire il filo del discorso delle canzoni anche in maniera emotiva, riuscendo a ricreare suggestioni e sfumature che i testi, anch’essi già di per sé molto evocativi, enfatizzavano comunque. Nonostante le liriche, inoltre, si accostino in diversi segmenti al turpiloquio, riescono comunque a imporre un messaggio diverso che non rende nulla di tutto ciò stupido e volgare. Ne consegue che non abbiamo a che fare con cinque semplici schizzetti rock, ma la costruzione, se non virtuosa, è senz’altro ben ponderata, onesta, secca, diretta. La produzione a livello dei suoni può in alcuni momenti deviare l’attenzione dal nucleo tematico delle canzoni ai suoni, sottolineando molto bene l’impeto degli attimi più ruvidi, ma al terzo/quarto ascolto è inevitabile notare che i testi iniziano a rimanere in testa, così come alcuni cambi di tempo e passaggi particolari, fatto che rende questo EP l’incontro perfetto tra un disco potente (di conseguenza non per tutti i palati) e un lavoro ben confezionato, dove nei suoi episodi più tranquilli e trasportati riesce anche a comunicare inquietudine. Bello.

Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha









Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha








Read Full Post »

Fotoreport a cura di LaMyrtha








PROSSIME DATE:
01.09 Piazza Vittorio Veneto, Sesto Fiorentino (FI)
05.09 Carroponte, Milano
http://www.baustelle.it

Read Full Post »

I concerti di Settembre

01/09/2013 – SIR OLIVER SKARDY @ FESTA DEMOCRATICA, Padova
01/09/2013 – GEMBOY @ ESTRAGON, Bologna
05/09/2013 – PERSIANA JONES @ VELODROMO MONTI, Padova
05/09/2013 – MARTA SUI TUBI @ PALMANOVA OUTLET, Palmanova (UD)
05/09/2013 – MUCHACHITO Y SUS COMPADRES @ ESTRAGON, Bologna
05/09/2013 – ROY PACI & ARETUSKA @ FESTIVAL DI STARANZANO, Staranzano (GO)
06/09/2013 – COSMONAUTS @ WHITE RABBIT, Legnago (VR)
06/09/2013 – DANIELE SILVESTRI @ ESTRAGON, Bologna
06/09/2013 – RAIME @ BASTIONE ALICORNO, Padova
07/09/2013 – LINEA 77 @ HOME FESTIVAL, Treviso
07/09/2013 – FAST ANIMALS AND SLOW KIDS @ ALTICHIEROCK FESTIVAL, Padova
07/09/2013 – MODENA CITY RAMBLERS @ FIERA REGIONALE DI ARGENTA, Argenta (FE)
07/09/2013 – DRUNK BUTCHERS @ ESTRAGON, Bologna
07/09/2013 – AFRICA UNITE @ BASTIONE SANTO SPIRITO, Verona
07/09/2013 – LOMBROSO @ PACIFIC FEST, Corva (PN)
07/09/2013 – PORK CHOP EXPRESS, GLORY OWL, DAMNED PILOTS, BLACK MAMBA ROCK EXPLOSION e WONDERNOISE @ TRIESTE ROCK CITY FESTIVAL, Padriciano (TS)
08/09/2013 – ELBOW STRIKE, BORDER BASTARD, BLACK POPE, KING BRAVADO e GONZALES @ TRIESTE ROCK CITY FESTIVAL, Padriciano (TS)
08/09/2013 – EUGENIO FINARDI @ PIAZZA G. GARIBALDI, Latisana (UD)
08/09/2013 – HOT SUGAR @ ESTRAGON, Bologna
10/09/2013 – DAVID BYRNE e ST. VINCENT @ GRAN TEATRO GEOX, Padova
10/09/2013 – PARAMORE @ PALADOZZA, Bologna
11/09/2013 – MEGANOIDI @ FESTA DEMOCRATICA, Padova
12/09/2013 – BEACH FOSSILS @ CASTELLO CARRARESE, Padova
12/09/2013 – IOTATOLA @ ESTRAGON, Bologna
13/09/2013 – 4 AXID BUTCHERS @ ESTRAGON, Bologna
13/09/2013 – FAST ANIMALS AND SLOW KIDS @ GRAM FESTIVAL, Treviso
14/09/2013 – PIOTTA @ ESTRAGON, Bologna
14/09/2013 – MEGANOIDI @ CENTRO PARROCCHIALE, Nogarole Rocca (VR)
14/09/2013 – AFRICA UNITE @ VELODROMO MONTI, Padova
15/09/2013 – La Storia del Rock: MORENO SPIROGI, DANDY BESTIA e GIANLUCA MOROZZI @ ESTRAGON, Bologna
17/09/2013 – ALMAMEGRETTA @ ESTRAGON, Bologna
18/09/2013 – STRIKE @ ESTRAGON, Bologna
19/09/2013 – JOYCUT @ ESTRAGON, Bologna
20/09/2013 – QUINTORIGO @ ESTRAGON, Bologna
21/09/2013 – LO STATO SOCIALE @ ESTRAGON, Bologna
21/09/2013 – ELIO E LE STORIE TESE @ GRAN TEATRO GEOX, Padova
22/09/2013 – GAZEBO PENGUINS e CRASH OF RHINOS @ BASTIONE ALICORNO, Padova
24/09/2013 – CIRCUS MAXIMUS @ MAKAKI LIFE & MUSIC, Trieste
25/09/2013 – FUCK BUTTONS @ LOCOMOTIV CLUB, Bologna
27/09/2013 – REZOPHONIC @ TEATRO MIELA, Trieste
28/09/2013 – PETER PUNK @ NEW AGE CLUB, Roncade (TV)
28/09/2013 – EUGENIO FINARDI @ CASTELLO DEGLI EZZELINI, Bassano del Grappa (VI)
29/09/2013 – VATICAN SHADOW e SILENT SERVANT @ SPAZIO AEREO, Venezia

Read Full Post »